Logo Angela Marchese
Psicoterapia on line Parliamo di...(current) News Risorse Contattami

Il primo incontro con lo psicologo: come superare l'imbarazzo iniziale e fare il primo passo

Durante il primo incontro lo psicologo ti accoglierà e cercherà di comprendere i motivi della tua richiesta, ti fornirà informazioni sul percorso psicologico e insieme deciderete la strada più adatta a te.

A tanti di noi capita di vivere momenti difficili oppure di sentirci bloccati durante un evento di vita (una crisi di coppia, un forte disagio, un tradimento, un lutto o una situazione emotiva molto pesante da affrontare).
Uno psicologo potrebbe sicuramente aiutarci, ma sei titubante..  come sarà? riuscirò a parlare? mi troverò bene? mi capirà veramente? potrà sul serio aiutarmi? e come lo farà?

Niente paura, è umano e capita a più persone di quanto tu possa immaginare. E' un passaggio delicato che richiede il suo tempo e tutta la tranquillità di cui necessiti per poter essere attuato. E se incontri la persona giusta per te, sarà sicuramente una buona occasione per poter cambiare la tua vita. Proverò qui a fornire delle risposte che spesso i pazienti si pongono durante i primi colloqui. L'intento è anche quello di far sapere cosa aspettarsi effettivamente. 

Come si svolge il primo colloquio

Durante il primo incontro lo psicologo solitamente ti chiederà il motivo per cui hai deciso in questo momento di chiedere aiuto, cosa succede nella tua vita. E' un colloquio guidato in cui il paziente espone liberamente il suo problema e il terapeuta cerca di comprendere con lui, la natura del disagio attuale e in linea generale lo scopo della terapia. Potrai ricevere informazioni su come si svolge la prima consulenza e le successive, i costi, i tempi e le modalità operative del professionista che tu avrai scelto.
Il terapeuta non è giudicante, saprà accogliere ciò che tu deciderai di dire oppure di non dire. Spesso le persone raccontano di sentirsi sollevate già al primo colloquio, poter parlare con un professionista dei tuoi problemi ti darà un senso di sollievo e la sensazione che stai realizzando qualcosa di molto positivo per te stesso.

E' chiaro che lo psicologo è anche una persona e la sensazione di sentirti compreso e a tuo agio è qualcosa che solo tu potrai sperimentare, ma in generale dovresti darti del tempo prima di rendere le tue prime impressioni definitive.

A cosa serve il primo colloquio

Lo scopo principale del primo colloquio è quello di conoscere, a grandi linee, cosa ha portato la persona da noi ora, pertanto lo psicologo farà domande sui sintomi attuali, da quanto tempo avverte tali sintomi, come si inseriscono nel contesto di vita,  cosa ha fatto finora per gestirli, come interferiscono con il suo benessere. Da qui e negli incontri successivi si approfondirà la storia di vita, dal punto di vista evolutivo, familiare, professionale. Lo scopo sarà quello di valutare nella maniera più completa possibile la natura del disagio della persona all'interno della sua specifica storia e quindi definire possibilità alternative o obiettivi di cambiamento e autonomia che la persona intende raggiungere. 

Da ciò è chiaro che una singola seduta non è sufficiente a mettere a fuoco la situazione e il problema, spesso serviranno due o tre colloqui ulteriori per poter svolgere una vera e propria anamnesi e fornire risposte esaustive al paziente. 

Accorgerti che il tuo corpo ha bisogno di un medico è abbastanza semplice, capire quando è la tua psiche ad avere bisogno di aiuto è spesso più difficile.

È consigliabile iniziare una psicoterapia quando:

  • il malessere interferisce con le nostre attività di vita quotidiane, ad es. fatica a concentrarci, lavorare o stare bene con i nostri cari;
  • ci sentiamo spesso preoccupati o molto tristi senza un reale motivo oppure abbiamo dei comportamenti inspiegabili;
  • evitiamo situazioni o luoghi perchè temiamo che possano crearci dei profondi disagi (prendere un aereo, il treno, l'auto, frequentare luoghi affollati, o luoghi chiusi);
  • viviamo da troppo tempo un malessere psicologico in seguito ad eventi particolari (un lutto, un incidente, una separazione, un cambiamento di vita inaspettato);
  • abbiamo bisogno di un confronto con un professionista per chiarirci le idee e interpretare in modo più sereno gli eventi della nostra vita.
Scopri le differenze tra Psicologo, Psichiatra, Neurologo, Neuropsichiatra, Psicoterapeuta



APPROFONDISCI ALTRI TEMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubbblicato

Parliamo di...

Adolescenti iperconnessi. Like addiction, Vamping e Challenge sono le nuove patologie

Adolescenti iperconnessi. Like addiction, Vamping e Challenge sono le nuove patologie

Il bisogno di apparire o di esserci ad ogni costo può generare, ad di là del gioco, ben altri problemi sociali e psicologici per cui spesso la famiglia richiede un intervento psicologico

Il disturbo da attacchi di panico

Il disturbo da attacchi di panico

Uno dei disturbi più frequentemente riportati dai pazienti. Come si manifesta, quali le cause e come gestirli.

Come si manifestano i Disturbi Ossessivi?

Come si manifestano i Disturbi Ossessivi?

Ossessioni e Compulsioni possono manifestarsi in diversi modi. Scopri quali e come liberarsene

Sei il protagonista del tuo cambiamento

Concediti la possibilità di essere felice, da subito.

design komunica.it | cms korallo.it