Logo Angela Marchese
Psicoterapia on line Parliamo di... News(current) Risorse Contattami

Depressione, insoddisfazione per la propria vita e isolamento sociale degli ultra 65enni: i dati 2016-19

La qualità della vita vista dalle persone con 65 anni e più

Salute e Benessere

L’OMS definisce la depressione uno dei 4 “giganti” della geriatria. Dai dati PASSI d’Argento raccolti nel quadriennio 2016-2019 si stima che 13 ultra 65enni su 100 soffrono di sintomi depressivi e percepiscono compromesso il proprio benessere psicologico per una media di 17 giorni nel mese precedente l’intervista.

Alla domanda «Quanto è soddisfatto/a per la vita che conduce?», il 21% ha risposto “poco” oppure “per niente”, con percentuali che aumentano tra le persone che dichiarano di arrivare a fine mese con molte difficoltà economiche (47% vs 27% tra chi riferisce qualche difficoltà e 12% in chi non ne ha). L’isolamento sociale può incidere notevolmente sulla qualità della vita e oltre a condizionare gli aspetti della vita di relazione, può compromettere le attività quotidiane e il soddisfacimento delle principali necessità.

Nel quadriennio 2016-2019, si stima che circa 2 ultra 65enni su 10 vivono in una condizione di isolamento sociale; in particolare, il 20% della popolazione dichiara che, nel corso di una settimana normale, non ha avuto contatti, anche solo telefonici, con altre persone e il 70% non partecipa a incontri collettivi presso punti di aggregazione come il centro anziani, il circolo, la parrocchia o le sedi di partiti politici e di associazioni. 

I sintomi depressivi sono più frequenti all'avanzare dell’età (raggiungono il 22% dopo gli 85 anni), nella popolazione femminile (17% vs 9% negli uomini), tra le classi socialmente più svantaggiate per difficoltà economiche (31% in chi riferisce molte difficoltà economiche vs 8% di chi non ne riferisce) o per bassa istruzione (17% fra coloro che hanno al più la licenza elementare vs 8% fra i laureati), tra chi vive solo (16%) e fra le persone con diagnosi di patologia cronica (26% in chi riferisce due o più patologie croniche vs 7% di chi non ne ha).

Una discreta quota di persone con sintomi depressivi (26%) non chiede aiuto, chi lo fa si rivolge ai propri familiari/amici (23%) o a un medico/operatore sanitario (17%) e nella maggior parte dei casi (34%) a entrambi, medici e persone care.

La variabilità regionale descrive prevalenze maggiori di sintomi depressivi in alcune Regioni del Centro-Sud, fra queste, in Campania (22%), Umbria (19%) e Puglia e Sicilia (16%) si registrano valori significativamente più alti della media nazionale si registrano.

Per ulteriori informazioni https://www.epicentro.iss.it/passi-argento/dati/depressione



LEGGI ALTRE NEWS

Parliamo di...

Come aiutare i bambini... dopo la perdita di una persona cara

Come aiutare i bambini... dopo la perdita di una persona cara

La perdita di una persona cara è un’esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani ed ancor più per un bambino.

Il disturbo da attacchi di panico

Il disturbo da attacchi di panico

Uno dei sintomi più frequentemente riportati nella consultazione psicologica. Come si manifestano, quali le cause e come uscirne.

Perchè scelgo sempre l'uomo sbagliato?

Perchè scelgo sempre l'uomo sbagliato?

Gli uomini sbagliati non arrivano per caso, né rappresentano una totalità: le donne li scovano con la stessa accortezza con cui scartano quelli che potrebbero renderle felici

EMDR, la terapia innovativa per ansia, stress e traumi

EMDR, la terapia innovativa per ansia, stress e traumi

L'EMDR è un trattamento terapeutico evidence-based per il Disturbo da Stress Post Traumatico. Rapido, efficace e applicabile a persone di qualunque età, compresi i bambini

Sei il protagonista del tuo cambiamento

Concediti la possibilità di essere felice, da subito.

design komunica.it | cms korallo.it